Ucraino ubriaco fermato per un normale controllo, si rifiuta di fare l’alcol test e picchia i Carabinieri. Arrestato, ora è ai domiciliari

Ucraino ubriaco al volante picchia i Carabinieri e viene arrestato

Ieri pomeriggio D.A., un cittadino ucraino, classe 1989, domiciliato ad Isola Rizza, operaio, dopo essere stato fermato ha picchiato i Carabinieri rifiutandosi di sottoporsi al test alcolemico.

Da un normale controllo a una colluttazione

L’uomo è stato fermato in via Stradone del comune di San Pietro di Morubio, per un normale controllo, dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Legnago, impegnati in un servizio di controllo del territorio.

I militari hanno notato subito chiari sintomi di soggetto in stato di ebbrezza alcolica, perciò lo hanno invitato a sottoporsi ai previsti accertamenti- L’ucraino si è rifiutato categoricamente e ha spinto e preso a calci i Carabinieri. L’uomo ha trascinato al suolo i militari colpendoli anche con dei pugni. Dopo alcuni minuti di colluttazione i Carabinieri sono riusciti a bloccare e ad ammanettare l’uomo che è stato poi portato in caserma.

Leggi anche:  Arrestato spacciatore a Verona

L’ucraino arrestato

L’ucraino, è stato quindi dichiarato in arresto per resistenza a Pubblico Ufficiale, violenza a Pubblico Ufficiale, lesioni e denunciato in stato di libertà per violazione degli artt 186 e 187 del Codice della Strada, in quanto rifiutatosi di sottoporsi agli accertamenti alcolimetrici e per gli stupefacenti e, su disposizione del magistrato di turno, è stato accompagnato presso il proprio domicilio in regime di arresti domiciliari. Questa mattina è stato condotto presso il Tribunale di Verona dove il giudice, la dottoressa Cristina Carrara ha convalidato l’arresto, concesso i termini di difesa spostando il processo al 24.06 e disposto l’obbligo di firma per l’uomo presso i Carabinieri di Oppeano.