Uscite di sicurezza fuori norma. Un autobus di studenti spagnoli è stato fermato a Verona nella notte, ritardi nel rientro.

Ritorno in ritardo

Hanno dovuto ritardare il rientro in patria, gli studenti spagnoli fermati stanotte a Verona in procinto di partire per l’aeroporto di Bergamo. Trovate uscite di sicurezza fuori norma. Diverse altre irregolarità riscontrate sull’autobus in cui viaggiavano, di proprietà di una ditta veronese, fermato alle 2 di stanotte dagli agenti specializzati della Squadra Controllo AUTotrasporto, nell’ambito del progetto Gite Serene.

L’anomalia

Tutti i controlli su documentazione e dotazioni risultavano inizialmente regolari. Poi è stato riscontrato il problema di sicurezza fuori norma. L’anomalia è stata riscontrata poi sulla maniglia della porta laterale, che risultava danneggiata e, di conseguenza, non avrebbe garantito il corretto funzionamento in caso di emergenza. Motivo sufficiente agli agenti per impedire al bus di partire, visto che il viaggio non sarebbe avvenuto in completa sicurezza.

Veicolo sostitutivo e violazione accertata

L’autista ha richiesto quindi un veicolo sostitutivo e, solo alle 5 del mattino, con quasi tre ore di ritardo sulla tabella di marcia, gli studenti spagnoli hanno lasciato Verona alla volta dell’aeroporto di Bergamo.  A carico del conducente, un veronese di 65 anni, è stata accertata la relativa violazione al Codice della Strada e richiesta la revisione straordinaria del veicolo.

Leggi anche:  Aggredisce un agente di Polizia arrestano un cittadino ghanese

Quinto caso per la locale nel fermare un viaggio

A fronte di oltre 200 verifiche effettuate negli ultimi tre anni nell’ambito del progetto Gite Serene, è questo il quinto caso nel quale la Polizia municipale è stata costretta ad impedire ad un viaggio programmato di partire per proseguire la gita. In due casi erano stati riscontrate anomalie alle porte di sicurezza dei bus; durante un altro controllo era emerso che l’autista non aveva effettuato ore di riposo sufficienti per riprendere la guida; in un altro ancora l’autista era risultato positivo all’alcoltest, attorno alle 9 del mattino. La sicurezza viene prima di ogni altra cosa e questi controlli sono volti a dimostrarlo.