Carote, il suo colore? Viola. Niente di artificiale fatto dall’uomo

Un ortaggio che ci ha dato madre natura ricco di proprietà e ottimo per la salute

Carote, il suo colore? Viola. Niente di artificiale fatto dall’uomo

Forse avete già visto facendo la spesa o sui banchi al mercato delle carote viola ma erroneamente avete sospettato che questo colore insolito fosse dovuto a qualche incrocio genetico voluto dall’uomo. Almeno, questo, è quanto è successo a me.
Nessuna stranezza, in realtà e niente di fantasioso. Questo è il loro colore originale: viola appunto.
In origine, infatti, le carote erano di dimensioni più piccole ed avevano un colore viola intenso come questo.

Carote, il suo colore Viola. Niente di artificiale fatto dall'uomo buccia

Guardando alla storia delle carote viola

Le carote viola sono originarie dell’Afghanistan dove furono coltivate parecchi anni fa e successivamente apprezzate da Greci e Romani che le esportarono in molti altri paesi. Per mano degli Arabi furono portate anche in Europa.
E proprio l’Europa contribuì alla loro diffusione dando anche il tipico colore arancione.
Ai Paesi Bassi dobbiamo il colore arancione come le conosciamo ora; gli olandesi, infatti, arrivarono attraverso incroci di diverse piante a definire il colore arancio intenso in onore della dinastia degli Orange.

D’ora in poi quando le troverete al mercato non penserete più a qualche stranezza genetica proveniente da chissà quale paese straniero bensì ad un prodotto tipico. Anzi, la carota viola è nata con questo colore ed e anche un pò italiana. Il sud del nostro paese vanta una piccola produzione locale di questo tipico ortaggio. A Polignano Mare in Puglia si coltiva la carota viola tutelata dal Presidio Slow Food come una delle tipicità italiane gastronomiche di cui andare fieri ed orgogliosi.

Leggi anche:  Frutta e verdura di stagione ci ricaricano di energia

Proprietà e benefici delle carote viola

Le carote hanno molte proprietà nutritive e partecipano al benessere fisico della persona: contengono vitamine, antiossidanti e fibre. A differenza delle classiche carote di colore arancio che sono ricche di betacarotene, queste scure sono caratterizzate da una presenza forte di antociani. Questi non solo donano il colore scuro viola ma tra i benefici che apportano c’è un’azione antiossidante e anti-age, utile per prevenire malattie degenerative.
Meglio di una seduta di lifting.

Come si cucinano le carote viola

Le carote, in generale, che siano arancio o viola il modo migliore per godere dei loro benefici è scottarle un paio di minuti in padella prima di consumarle.
In questo modo, con il calore, rilasciano maggiori proprietà. Potete anche farle a fettine sottili da cuocere al forno come chips vegetali, ideali come snack da sgranocchiare a merenda oppure da proporre come aperitivo con gli amici.
In alternativa, si può optare per una cottura a vapore che strizza l’occhio alla dieta. E permette di condirle come più preferite: un buon olio di oliva e un magari un sale aromatizzato sono perfetti.
Crude o cotte, nei dolci,  come contorno o come base di molti altri piatti, in cucina le carote si prestano a svariate ricette molto creative e soprattutto colorate.

Siete curiosi di sapere come le ho gustate io? Allora guardate qui: ricetta con carote viola

Carote, il suo colore Viola. Niente di artificiale fatto dall'uomo vellutata

Silla Fregona, food blogger – Silla e Pepe