Come scegliere il menù per il ricevimento del matrimonio? La prima cosa da fare è stabilire a che ora si svolgerà il banchetto. Esistono profonde differenze, soprattutto nella quantità, tra le portate di un pranzo, di una cena o di un cocktail/aperitivo. I menù abbondanti sono più adatti per ricevimenti a mezzogiorno, alla sera invece sono preferibili pasti leggeri. A seguire bisogna decidere che tipo di menù proporre. La scelta della location può aiutare. Se ad esempio il matrimonio si svolgerà in una località di montagna o di collina carni e verdure grigliate potrebbero essere la risposta migliore. Al contrario, se il matrimonio fosse in una località di mare o di lago, un menù a base di pesce sarebbe la soluzione ideale. Ricordatevi di puntare sempre su piatti stagionali e confezionati con ingredienti di altissima qualità magari anche a Km 0.

Come scegliere il menù per il ricevimento del matrimonio

E’ consigliabile predisporre anche un menù riservato ai bambini, magari della pasta al pomodoro cui far seguire hamburger o cotoletta oppure un piatto unico come la pizza. Fate sempre una cena di prova prima del ricevimento, giusto per capire che tipo di cucina propone il ristorante prescelto e accertatevi che le porzioni siano adeguate, sarebbe imperdonabile lasciare le persone “affamate”. Valutate con attenzione anche la carta dei vini proposta, anche in questo caso assicuratevi che i vostri ospiti non siano lasciati a gola secca. Altro elemento importante è il tipo di servizio: potete scegliere tra uno all’italiana (tutti seduti e ogni singolo piatto è preparato in cucina), un servizio classico da banchetto (i camerieri arrivano in sala e distribuiscono il cibo avvicinandosi a ogni singolo ospite) o ancora un servizio a buffet o a self service “aiutato”.

Leggi anche:  Come preparare il salmì di lepre

Il servizio “misto” è di grande tendenza

Di grande tendenza attualmente è il servizio “misto”, cioè buffet per antipasti e dolci e portate al tavolo per primi, secondi e torta nuziale. Gli antipasti possono essere proposti nelle “food stations” o “isole gastronomiche” con l’angolo dei fritti, quello dei cibi di terra con prosciutti e formaggi, l’area del pesce con antipasti a base di mare o ancora se amate l’oriente l’area sushi. Passando ai cibi serviti si consiglia di proporre sempre due tipi di primi e due secondi: uno di pesce e uno di carne. Per alleggerire un po’ il pranzo e magari cogliere l’occasione per alzarsi dal tavolo e fare due passi, la frutta e i dolci è meglio proporla a buffet. Per poi tornare al tavolo e gustare la torta nuziale.