Sarà l’Arena, lunedì 29 luglio, a riunire insieme per la prima volta la PFM – Premiata Forneria Marconi e De Andrè. Alla fine degli anni ‘70, Fabrizio De Andrè e la più famosa prog band italiana furono i protagonisti di una straordinaria e amatissima tournèe musicale. Oggi Cristiano De Andrè torna sul palco assieme alla PFM per celebrare la straordinaria arte del padre. Alla serata parteciperà anche Dori Ghezzi. Il concerto – evento dal titolo “PFM Premiata Forneria Marconi – Cristiano De Andrè Cantano Fabrizio” è stato presentato, questo pomeriggio a palazzo Barbieri, dal sindaco Federico Sboarina, dal responsabile eventi extra lirica Gianmarco Mazzi e dagli artisti Cristiano De Andrè, Franz Di Cioccio e Patrick Djivas.

“Un’altra perla”

“Dopo i successi del Festival lirico, con la prima dell’Arena che è stata trasmessa in diretta mondiale, – ha detto il sindaco – presentare un evento di questo livello significa aggiungere un’altra perla alla nostra collana di straordinarie serate dedicate alla musica. Sono molto contento di come stiamo procedendo, perché ci sono eventi che segnano un’intera stagione e sono sicuro che questo sarà uno di quelli che rimarrà nella memoria di quanti saranno presenti”.

“Solo in Arena un concerto del genere”

“Solo in Arena – ha detto Mazzi – poteva essere realizzato un concerto del genere. Un evento straordinario in cui si uniscono la PFM e Cristiano De Andrè per rendere un tributo all’arte di un grande uomo e di un grande artista come era Faber. Di sicuro, il concerto del 29 luglio rappresenta una di quelle serate che dà l’impronta a tutta la stagione”.

“Sarà un’emozione bellissima”

Durante l’evento PFM e Cristiano De Andrè si alterneranno sul palco con le loro rispettive performance per condividere la lunga terza parte finale con un concerto imperdibile dedicato a Fabrizio De Andrè. “Sarà un’emozione bellissima salire sul palco – ha detto De Andrè – assieme alla PFM per dare una possibilità a chi allora non riuscì a vedere i concerti di ascoltare qualcosa che si avvicina. Credo che anche i giovani abbiano bisogno di avvicinarsi alla musica fatta da ‘artigiani’. Ricordo che fu proprio per quella tournèe che decisi di dedicarmi alla musica e di iscrivermi al conservatorio per studiare violino. Loro mi hanno dato lo stimolo per fare musica”.

Leggi anche:  Manovre salvavita oggi al Centro Congressi Veronafiere

“Con questo concerto si apre un ulteriore cerchio”

“Con questo concerto – ha detto Di Cioccio – si apre un ulteriore cerchio per portare questa musica a chi c’era e a chi la deve scoprire. L’emozione sarà tanta, com’era grande quando partì quella tournèe in cui lavorammo per vestire di musica la poesia di Fabrizio. Sarà l’occasione per sentirlo ancora vicino, perché ogni volta che lo interpretiamo, ci sentiamo a casa”.

“Fabrizio è un’autostrada emotiva”

“Fabrizio – ha detto Djivas – è un’autostrada emotiva in cui ciascuno può andare perché tutti trovano qualche cosa, qualche pensiero che Fabrizio riesce a comunicare. Era un’artista straordinario che non lasciava nulla al caso e noi, quando ci mettemmo a lavorare sugli arrangiamenti, abbiamo cercato di fare lo stesso con le note e l’armonia. Noi, come PFM, abbiamo fatto tante cose, ma credo che una delle cose più belle sia stata quella di comunicare a Fabrizio quanto la musica fosse importante per la sua arte”.