Dolomiti in bianco e nero. Incontro con il fotografo Manuel Cicchetti.

Dolomiti in bianco e nero con il fotografo Manuel Cicchetti

Un anno fa il ciclone Vaia abbatteva milioni di alberi nel Triveneto. Una ferita profondissima alle maestose Dolomiti, oggi ancora sanguinante mentre l’uomo, così piccolo di fronte al disastro, cerca con immane sforzo di riparare.

Dopo la fortunatissima e suggestiva mostra ospitata a Belluno nel cubo di Botta a Palazzo Crepadona, che ha registrato 1800 presenze e destato l’attenzione delle autorità – in chiusura, la visita del Segretario di Stato Vaticano, Cardinale Pietro Parolin – prosegue il viaggio di Manuel Cicchetti nelle città d’Italia, con l’intento di portare, nel linguaggio essenziale e puro delle immagini fotografiche, un deciso monito alla mano dell’uomo. Perché protegga e, dove può, ripari. E un regalo ai suoi occhi.

L’anima della montagna

Nel suo libro “Monocrome. Camminando tra le Dolomiti d’Ampezzo” l’anima delle montagne trova espressione nel bianco e nel nero, attraverso la suggestione di luci ed ombre di un territorio che vive di solenne e antica bellezza. Le fotografie in grande formato di Vaia sono affiancate a ricordarci il pericolo.

Leggi anche:  Natale a Oppeano, svelato il ricco calendario tra paese e frazioni

Una più ampia presa di coscienza sul valore del territorio parte anche dal messaggio artistico. Le fotografie di Cicchetti sono una lettera d’amore per il pianeta, ricca di speranza.

La presentazione veronese

Il fotografo sarà a Verona mercoledì 11 dicembre presso il Wine Bar Symposio di via Stella, 20 dalle ore 17.00 alle 20.00 per incontrare chiunque desideri avere uno scambio di opinioni diretto, conoscere le tecniche fotografiche utilizzate, parlare di montagna e di tutela del territorio, prendere visione del libro (le cui copie in vendita saranno con l’occasione autografate) e di una selezione delle fotografie originali di Vaia.

L’evento è organizzato in collaborazione con la Libreria Gulliver, contigua al locale.

Parte del ricavato della vendita è devoluta per il ripristino e la cura delle foreste abbattute dalla tempesta di vento e pioggia dell’ottobre 2018.