La pianista dodicenne Alexandra Dovgan si esibirà al Filarmonico per l’ultima serata del Festival della Bellezza. Dovgan è vincitrice di vari concorsi nazionali e cinque competizioni internazionali.

Festival della Bellezza: stasera ultimo appuntamento con la pianista Dovgan

Debutterà stasera domenica 16 giugno alle 18.30 al teatro Filarmonico, in occasione dell’ultimo appuntamento del Festival della Bellezza, l’artista prodigiosa Alexandra Dovgan, a neppure dodici anni vincitrice di vari concorsi nazionali e cinque competizioni internazionali ha una musicalità istintiva tale da renderla una grandiosa realtà del pianismo contemporaneo. Grazia e naturalezza verso la tastiera, sua seconda pelle, fanno di lei una pianista di straordinaria completezza, tanto da indurre Grigory Sokolov ad affermare:

«È un raro caso: la definizione di “bambino prodigio” non è adatto alla pianista undicenne Alexandra Dovgan, perché questo miracolo non ha nulla di infantile. Ascoltandola sentirete suonare un adulto, una personalità. Mi fa piacere notare la maestria della sua formidabile insegnante, Mira Marchenko, ma ci sono cose che non si possono insegnare. Il talento di Alexandra Dovgan è armonioso in modo raro, la sua maniera di suonare è autentica e concentrata. Prevedo un grande futuro per lei».

La prodigiosa Alexandra Dovgan

Nata nel 2007 in una famiglia di musicisti, inizia i suoi studi di pianoforte a quattro anni. Il suo straordinario talento viene subito notato e a cinque anni entra nella rinomata Scuola Centrale del Conservatorio di Mosca dove attualmente studia sotto la guida di Mira Marchenko. Già vincitrice di vari concorsi nazionali e internazionali nel maggio 2018, non ancora undicenne, vince il Grand Prix del Grand Piano Competition di Mosca. Suona in alcune delle più prestigiose sale da concerto europee ed è diretta da Valery Gergiev e Vladimir Spivakov. Prende parte a rinomati festival internazionali, la sua performance con Denis Matsuev e Valery Gergiev ha inaugurato il Mariinsky International Piano Festival nel dicembre 2018. Un’istintiva profondità unita a un suono di particolare bellezza caratterizza il suo stile. Lontana dal pianoforte Alexandra passa il suo tempo sciando, leggendo, suonando l’organo, studiando balletto e matematica e giocando con le amiche e il fratello di 6 anni. A riguardo è interessante scoprire quanto lei stessa ha affermato in una recente intervista:

“Anche quando non suono, non smetto di studiare. Posso osservare lo spartito, sentendo questa musica dentro di me, pensandoci. E se non smetto di pensare vuol dire che non smetto di studiare”.

Il suo sbalorditivo talento si esprimerà in un programma di grande fascino con opere di Scarlatti, Beethoven, Rachmaninov, Chopin e Debussy. L’evento è realizzato in collaborazione con l’Accademia Filarmonica.

Leggi anche:  Questa sera in Arena debutta la Carmen nell'allestimento di Hugo de Ana

La pianista dodicenne Alexandra Dovgan si esibirà al Filarmonico per l'ultima serata del Festival della Bellezza.

Festival della Bellezza – i Maestri dello Spirito

Con eventi ideati per il festival, riflessioni in format teatrale, concerti e spettacoli unici e in prima nazionale, teatri sempre esauriti con oltre 50.000 presenze, il Festival della Bellezza è oggi un unicum nel panorama culturale italiano, punto di riferimento per riflessioni sulla bellezza espressa nell’opera di straordinari artisti in scenari storici di grande suggestione architettonica e artistica. La VI edizione, dedicata al tema “L’Anima e le Forme”, indaga l’espressione artistica dello spirito nelle sue varie espressioni, la musica, la letteratura, la filosofia, la pittura, il teatro, il cinema. Il titolo fa riferimento all’omonimo testo di György Lukács sulle forme del rapporto tra uomo e assoluto. Il festival quest’anno prevede un ulteriore incremento del periodo e degli appuntamenti, in sintonia con l’interesse del pubblico che da anni segue con passione la manifestazione riconoscendone la sua peculiarità. Promosso dal Comune di Verona, il Festival della Bellezza è organizzato dall’associazione Idem con la direzione artistica di Alcide Marchioro.