Il manager è stato indicato come successore di Fratta Pasini

Massimo Tononi è il nome che si è fa largo per succedere a Carlo Fratta Pasini alla presidenza del Banco BPM. Manager nato a Trento nel 1964,  laureato in Economia Aziendale all’Università “Bocconi” di Milano nel 1988, fino al 1993 Tononi ha lavorato nella divisione Investment Banking londinese di Goldman Sachs.
Nel maggio 2006 ha ricevuto l’incarico di Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Economia e Finanze che mantiene fino al maggio 2008. Ha ricoperto gli incarichi di Presidente di ISA – Istituto Atesino di Sviluppo – e componente del Consiglio di Amministrazione di Italmobiliare e de Il Sole 24 Ore. Nel 2018 ha assunto il ruolo di Presidente di Cassa Depositi e Prestiti, carica che ha mantenuto fino a ottobre 2019.

Fratta Pasini e la decisione di non ricandidarsi

Carlo Fratta Pasini aveva annunciato nei giorni scorsi di non ricandidarsi in occasione del prossimo rinnovo del Consiglio di Amministrazione del Banco BPM. Il Presidente ha riferito di aver maturato questa decisione dopo “Aver considerato attentamente la durata della propria permanenza nella carica e i risultati positivi e, per certi versi, straordinari raggiunti da Banco BPM a tre anni dalla fusione”.

Leggi anche:  Agricoltura Veneta, un 2019 lacrime e sangue

Fratta Pasini ha inoltre rimarcato: “L’interesse di Banco BPM a far leva sul prossimo rinnovo del Consiglio di Amministrazione per evidenziare al meglio i profili di novità e le future prospettive dell’Istituto, nell’ottica di ottenere un più ampio e rapido riconoscimento dei risultati raggiunti da parte di tutti gli stakeholders della Banca e, in primis, dal Mercato”.