La crisi d’impresa, seminario il 20 novembre.

Camera di Commercio: la crisi d’impresa se ne parla il 20 novembre

In Italia nel 2018 si sono registrati 10.548 fallimenti. Si stima che se tali situazioni di crisi fossero state affrontate con un anticipo di 12-18 mesi, un 20-30% dei casi sarebbe potuto essere stato sottratto alle procedure fallimentari, salvando così, oltre l’azienda, tutto l’indotto ed i livelli occupazionali ad essa connessi. Questa funzione, tra pochi mesi la svolgeranno gli Organismi di Composizione della Crisi d’impresa la cui gestione sarà affidata alle Camere di Commercio. Se ne parla mercoledì 20, alle ore 17, nel seminario “Prevenire e gestire la crisi d’impresa. Il nuovo Codice della crisi e dell’insolvenza”, organizzato dalla Camera di Commercio di Verona in collaborazione con l’Ordine dei Commercialisti e degli Esperti Contabili e con l’Ordine degli Avvocati di Verona.

L’Ocri è stato introdotto dal nuovo Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza. Con l’istituzione delle procedure di allerta e di composizione assistita della crisi, che si svolgeranno presso gli OCRI, l’Italia si è adeguata alle indicazioni delle direttive comunitarie, che richiedono di mettere a punto strumenti per anticipare l’emersione e l’aggravarsi di crisi aziendali, poi di difficile risoluzione.

Leggi anche:  Mercatone Uno, Federconsumatori dice no all'asta

“Fondamentale una diagnosi precoce delle difficoltà”

“Uno tra gli scopi della riforma, che affida alla Camere di Commercio un importante ruolo di prevenzione, – spiega Cesare Veneri, Segretario Generale della Camera di Commercio di Verona – è infatti quello di evitare che il ritardo nel percepire i segnali di crisi di un’impresa possa poi portare ad uno stato di crisi irreversibile. Il Codice ha l’obiettivo di riformare in modo organico la disciplina delle procedure concorsuali, con due principali finalità: consentire una diagnosi precoce dello stato di difficoltà delle imprese; salvaguardare la capacità imprenditoriale di coloro che vanno incontro a una situazione di crisi o di insolvenza”.

Una volta individuato, attraverso un sistema d’allerta, uno stato di crisi, l’Ocri ha il compito, attraverso l’intervento di un Collegio di esperti, di elaborare proposte di composizione della crisi nella prospettiva della continuità aziendale.

Per informazioni e iscrizioni ci si può collegare al link www.vr.camcom.it nella sezione news.