Bilancio di previsione Povegliano arriva l’attacco dell’opposizione. “Documento presentato alla cittadinanza prima che al Consiglio”.

Bilancio di previsione Povegliano arriva l’attacco dell’opposizione

Non si è fatta attendere la reazione dell’opposizione consiliare di Povegliano, guidata da Anna Maria Bigon, alla serata organizzata dalla maggioranza per presentare ai cittadini il bilancio di previsione. “Vanno ad approvare un bilancio già presentato alla cittadinanza senza alcun dibattito, in sfregio ad ogni regola democratica. Il paese ha però già risposto con la sua assenza da questa trovata pubblicitaria, stanco di parole vogliosa di fatti”.

“Crescono tasse e fondo cassa, ma non gli investimenti”

Poi l’opposizione contesta il “raddoppio della addizionale comunale Irpef a danno dei cittadini, che già pagano il taglio di servizi. Tale raddoppio viene giustificato scaricando la colpa al cambio di manovra del governo che ha portato il debito pubblico dal 2,4% al 2,04%. Ma con questo raddoppio cosa portano in bilancio? Nessuna previsione di spesa per l’ordine pubblico e sicurezza, nessun investimento su istruzione e diritto allo studio se non l’ennesima promessa di versamento di soli 100.000 euro per la scuola materna che si vanno ad aggiungersi ai promessi 50.000 e 130.000 dei precedenti bilanci, nessuna previsione di spesa per la tutela ambientale ed altrettanto per lo sviluppo economico, politica del lavoro e per l’agricoltura tanto ironicamente amata, nessun investimento per le fonti energetiche, per il turismo e per l’assetto del territorio; ci chiediamo dove vadano tutti i soldi incassati dalle tasse, ad aumentare una cassa già alta di suo? L’anno scorso erano più di 2 milioni ed ora siamo a 2.7 milioni. Invece di spendere soldi incassati, si va ad aumentare ulteriormente il fondo di cassa” concludono i consiglieri di minoranza.

Leggi anche:  Autonomia, il capo delegazione del Veneto commenta la nota di Palazzo Chigi

LEGGI ANCHE:

Il bilancio torna in pari, Povegliano è pronto a crescere di nuovo