Dante Faccenda torna a pungere: riecco la Zanzara. L’imprenditore, scarcerato da poche settimane ma ancora indagato per le patenti facili, è pronto a riproporre la sua lista civica apolitica con un programma rivoluzionario.

Riecco spuntare la civica “La Zanzara”

Dante Faccenda è tornato ed è pronto a lanciarsi di nuovo a capofitto in una nuova avventura politica. Riecco spuntare la vecchia idea della lista civica “La Zanzara”: “Ne destra ne sinistra semplicemente gente con le palle per amministrare la nostra realtà cittadina”.

Alcuni punti programmatici della Civica

Faccenda spiega: “Vogliamo creare una fondazione per la casa di riposo: via tutti i dirigenti e fine del solito magna magna. Proponiamo venga creata una commissione d’inchiesta che verifichi dove è andato il patrimonio immobiliare e mobile degli anziani ospitati negli anni”. “Inoltre punteremo ai giovani – continua Faccenda – con il ripristino degli oratori come strumento di guida ed educazione attraverso personale qualificato, non possiamo permetterci di perdere altre generazioni tra chiusi in casa sui social o in preda ad alcool e droghe”. Infine il terzo punto: “La realizzazione di un Cid a Torretta (centro identificazione diurno) dove raccogliere tutti i nullafacenti che vagabondano per Legnago”.

L’indagine che lo coinvolge

Faccenda è coinvolto, insieme a Massimo Viscardo Viscardi  nell’indagine delle patenti facili a Verona condotta dalla Polizia di Stato, e coordinata dal pubblico ministero Marco Zenatelli. 

Patenti facili a Verona, così avveniva la truffa VIDEO / FOTO

Anche il Ministro Danilo Toninelli si era espresso con un tweet riprendendo la brillante operazione della polizia stradale scaligera capitanata da Girolamo Lacquaniti.

Leggi anche:  Primaria Villafontana a rischio per mancanza del numero legale al consiglio comunale

La scarcerazione del 9 gennaio

Il tribunale del Riesame di Venezia ha disposto, nella mattinata di mercoledì 9 gennaio, la scarcerazione di Viscardi e di Faccenda, ribaltando completamente le pesanti accuse di cui erano gravati.

Caso “Patenti facili”: i due indagati lasciano il carcere

Sulla sua permanenza nella casa circondariale, Faccenda ha anche reso pubblico la riflessione su ciò che ha visto in quei giorni di custodia cautelare:

dante faccenda
il post su Facebook dopo la scarcerazione