Giornata veronese per il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, il quale ha fatto visita a San Bonifacio e a Legnago per sostenere la candidatura a sindaco di Emanuele Ferrarese e Graziano Lorenzetti.

Zaia a San Bonifacio per Ferrarese

Giovedì 16 maggio il Governatore del Veneto Luca Zaia è arrivato in piazza Costituzione a San Bonifacio per sostenere il candidato del centro destra unito Emanuele Ferrarese.  Presenti anche il Presidente della Provincia Manuel Scalzotto, il consigliere regionale Alessandro Montagnoli e l’assessore regionale ai lavori pubblici Elisa De Berti. Si è parlato di temi cari al Governatore, quali l’autonomia, la sanità, la sicurezza.

Zaia a San Bonifacio per Ferrarese. Il Governatore ha rimarcato l'importanza di avere un filo diretto tra Comune e Governo.

Autonomia

Zaia ha rimarcato ancora il tentennamento del Movimento Cinque Stelle per quanto riguarda l’autonomia, già ribadita anche dal vicepremier Matteo Salvini martedì al cinema Cristallo. Zaia ha spiegato l’importanza di avere un filo diretto tra Comune e Governo. “L’autonomia è un nostro diritto e ce la devono dare” ha affermato Zaia.

Sanità

La piazza si è scaldata con la questione della sanità, in particolare sulla riqualificazione del vecchio ospedale e il mantenimento dell’attuale, il Fracastoro. Alle polemiche della gente sui ritardi per le visite e l’assenza di medici, Zaia, tra un suono di campana e l’altro ha risposto sottolineando l’eccellenza della sanità in questo territorio, dimostrata da vari servizi, come l’innovativa “Breast Unit” per la prevenzione e diagnosi del cancro al seno. “Le donne che si ammalano in Veneto hanno più possibilità di sopravvivere rispetto alle altre” ha sottolineato Zaia. Ha ribadito inoltre l’esigenza di dover eliminare il numero chiuso dall’università per il corso di laurea in medicina, “perchè non riusciamo più a trovare medici” ha affermato il Governatore.  Per calmare le acque e rassicurare la gente sui dubbi sollevati in merito ai lunghi tempi di attesa, anche per visite urgenti, Zaia ha prontamente preso nota dei nominativi per prendersi carico della questione.  Zaia ha ricordato però, che avere la sanità sotto casa è difficile da garantire ma che i nostri servizi possono considerarsi ad un elevato livello, con 80 milioni di euro erogati.

Leggi anche:  Regione: Qual è il futuro dell’Autonomia?

Zaia a Legnago

A Legnago Zaia ha ribadito, davanti a circa 200 persone, l’importanza dell’autonomia, specificando che “è il momento di farsi sentire con i Cinque Stelle perché la pentola è in ebollizione e i veneti la vogliono”. Poi, parlando di Graziano Lorenzetti, ha sottolineato: “Avete la possibilità di approfondire i programmi e conoscere il nostro candidato. La filiera politica non è un ricatto perché per noi vengono prima di tutto i cittadini. Per questo vi invito a sostenere Lorenzetti”. Insieme al governatore sono saliti sul palco i sindaci di Minerbe e Cerea, Andrea Girardi e Marco Franzoni, e dall’assessore regionale ai lavori pubblici, Elisa De Berti, oltre a Alessandro Montagnoli.