Dopo gli screzi e i battibecchi torna il sereno nel centrodestra legnaghese. È stato infatti raggiunto l’accordo tra Fratelli d’Italia e il nucleo che ha sostenuto dall’inizio la candidatura a sindaco di Graziano Lorenzetti, formato da Lega e dalla civica Laboratorio Legnago. Il patto verrà ufficializzato sabato 23 febbraio, con la presentazione in programma alle 16.30 al bar Luna Rosa, in via Bezzecca, a Legnago.

LEGGI ANCHE: Elezioni comunali Legnago, Ciro Maschio: “Sorpresi dalla Lega”

LEGGI ANCHEElezioni comunali Legnago, la Lega: “Da noi chiarezza verso gli elettori, gli altri…”

Soddisfazione tra le parti

Tra le parti emerge grande soddisfazione per un accordo politico che viene considerato naturale, sia per i valori comuni che per la visione sul futuro di Legnago. Prosegue intanto il dialogo tra la nuova squadra a sostegno di Graziano Lorenzetti e altri partiti e componenti civiche che fanno riferimento al centrodestra.

LEGGI ANCHELegnago, presentata la candidatura a sindaco di Lorenzetti

L’incontro di sabato

All’incontro di sabato parteciperanno i protagonisti dell’accordo, ovvero il candidato sindaco Graziano Lorenzetti e i referenti dei partiti. Per Fratelli d’Italia interverranno al tavolo l’onorevole Ciro Maschio, coordinatore provinciale, il senatore Stefano Bertacco, il vicepresidente della Provincia David di Michele, il responsabile elettorale per la Bassa Veronese, presidente e portavoce del circolo di Fdi Legnago Gianluca Cavedo e Paolo Longhi. Saranno presenti anche i componenti del direttivo di Fratelli d’Italia Alessandro Bellini, Riccardo Frattini e Fabio Furlani.
La Lega interverrà con i propri punti di riferimento locali, il consigliere regionale Alessandro Montagnoli, responsabile elettorale del partito, il senatore Cristiano Zuliani, commissario della sezione legnaghese della Lega, e Maurizio De Lorenzi, segretario di circoscrizione della Lega. Saranno presenti inoltre i referenti di Laboratorio Legnago, tra cui Roland Tedesco. Elezioni comunali Legnago, la Lega: “Da noi chiarezza verso gli elettori, gli altri…”