Una notizia clamorosa arriva da Zimella. La lista del candidato sindaco, Roberto Benin, è stata esclusa e, pertanto, al momento ne rimane soltanto una in lizza per le prossime elezioni comunali.

Un procedimento penale del passato

A confermare la notizia è lo stesso Benin che ha spiegato che il provvedimento è stato preso a causa di un problema con un procedimento penale che lo stesso ex sindaco di Zimella aveva avuto in passato. “Era il 2004 – racconta Benin – ed ero seduto tra i banchi della minoranza in consiglio comunale. Avevo provveduto a raccogliere delle firme per fare in modo che una stradina privata diventasse di proprietà del Comune a patto che lo stesso si prendesse cura della manutenzione. Nel momento in cui era avvenuta la votazione io ero rimasto in consiglio e non ero uscito, ma in quanto parte interessata (in quella strada vi abitavano i suoi genitori) sarei dovuto uscire dall’aula. Per quella cosa partì un procedimento penale a mio carico”.

Leggi anche:  Piccolo Marco a casa, Bertacco: "Dall'avvocato Miraglia parole strumentali"

Presentato ricorso

Nel 2007, in realtà, Benin aveva usufruito di un condono. Nonostante ciò, nel momento della presentazione della lista, egli, come candidato sindaco, avrebbe dovuto comunque dichiarare quanto avvenuto, cosa che non ha fatto. Dopo le verifiche del caso è partita la segnalazione che ha causato la sospensione. Benin ha presentato ricorso ma al momento non si conoscono i tempi per il pronunciamento del tribunale. Stando così le cose, pertanto, a Zimella si andrebbe a votare avendo la possibilità di scegliere una sola lista.