Elezioni Peschiera del Garda 2019 i tre candidati si presentano. Gaiulli, Fasolli e Dalla Pellegrina sono i protagonisti della corsa alle amministrative del 26 maggio.

Elezioni Peschiera del Garda 2019 i tre candidati si presentano

Ecco le tre interviste realizzate con i contendenti alla poltrona di primo cittadino di Peschiera del Garda.

Maria Orietta Gaiulli

«Mi ricandido con una squadra competente, capace e concreta che ha la consapevolezza di poter fare ciò che ha promesso, nel rispetto delle norme vigenti e degli equilibri di bilancio» ha affermato il sindaco Maria Orietta Gaiulli. Alle prossime amministrative tenterà la doppietta con i suoi sei fedeli ai quali si sono affiancati nuovi volti, in ambito politico, che hanno debuttato ieri, venerdì 3 maggio, in sala consiliare. Nella lista di Gaiulli hanno confermato la loro presenza il vicesindaco Filippo Gavazzoni, gli assessori Daniela Florio, Elisa Ciminelli, Luca Righetti, i due consiglieri Mattia Amicabile e Massimo Augusto Oliva. A loro si sono affiancati l’imprenditore Carlo Scattolini, la commerciante Paola Biagi, lo studente alla facoltà di architettura Claudio Brentegani, il dirigente sindacale Michele Martino, il geometra Giancarlo Zanoni e la consulente in comunicazione Roberta Ferrazzi. Gaiulli è entrata in politica nel 2001 come assessore all’istruzione, alle politiche giovanili e agli affari legali con l’ex sindaco Bruno Dalla Pellegrina. Rimasta in opposizione dal 2003 al 2009, è stata poi vicesindaco con delega al sociale e alle politiche giovanili con l’ex sindaco Umberto Chincarini, uscendo dalla maggioranza dopo dissapori interni nel 2013. L’anno successivo ha vinto le elezioni amministrative diventando l’attuale sindaco. Nell’immediato futuro le intenzioni sono quelle di proseguire con la valorizzazione del paese, potenziare la sicurezza con dei vigili stagionali, proseguire alla creazione della rete di collegamento con i medici di base e la Clinica Pederzoli, completare gli spazi dedicati agli anziani in palazzina storica, dragare i porti, realizzare un teatro e portare sul territorio pregio e valore. Scrive Gaiulli nella sua lettera alla cittadinanza: «Cari concittadini, mi rivolgo a voi per chiedere nuovamente la vostra fiducia per i prossimi cinque anni, per consentire a questa squadra di lavoro di governare Peschiera nell’ottica della stabilità, della continuità ma anche del rinnovamento per un sempre maggior benessere della città e dei cittadini».

Davide Fasoli

«La Civica» ha ufficialmente debuttato in sala consiliare martedì 30 aprile con il candidato sindaco Davide Fasoli. La sua lista è formata da due consiglieri in opposizione all’attuale amministrazione: la giornalista professionista Giuditta Bolognesi e l’ex insegnante Francesca Sanna e da Federico Caricato studente all’università di Trento nella facoltà di Studi Internazionali, l’architetto e professore al Politecnico di Milano Marco Cofani e la Guardia Giurata Nicolò Farina; il Dottore Commercialista e Revisore Legale Roberta Federici, il neurologo Domenico Idone, Anita Invidia che studia alla facoltà di giurisprudenza sulle orme del papà, il libero professionista in ambito ospedaliero Paolo Paroni, il perito industriale Claudio Patero, l’educatrice Sara Pezzin e l’avvocato Consuelo Tonoli. Arrivato a Peschiera del Garda negli anni Duemila, Fasoli ha costruito la sua famiglia sul lago di Garda e tessuto rapporti con persone che condividono con lui valori e idee. Nel panorama politico ha debuttato nel 1995 a Illasi e nel 2009 ha portato avanti questa passione a Peschiera del Garda. Coerente ai suoi ideali e al gruppo arilicense nel quale è entrato oltre dieci anni fa, è stato candidato prima nelle elezioni del 2009 nella lista «Arilica» con Daniele Reversi, poi è entrato nel gruppo di Voce ai Cittadini con Bolognesi nel 2014. I temi ispiratori del programma di Fasoli e della lista La Civica sono: la valorizzazione del patrimonio culturale per l’incremento del turismo, la tutela dell’ambiente e del territorio, ambendo a risolvere le criticità legate al traffico. Attenzione alle famiglie, alle persone considerate «vulnerabili» o «invisibili». Presente anche l’associazionismo che promettono di supportare e coinvolgere. «La proposta de “La Civica” – scrive Fasoli nella sua lettera di presentazione inviata a tutta la cittadinanza – nasce dal confronto con gli operatori economici, associazioni, quartieri e con chi ha a cuore la qualità della nostra vita».

Leggi anche:  "Se non puoi sedurla, puoi sedarla", bufera sulla maglietta del vicesindaco di Roverè

Bruno Dalla Pellegrina

Bruno Dalla Pellegrina e il suo gruppo sono pronti per le prossime elezioni, si sono presentati alla cittadinanza lunedì 29 aprile in sala consiliare. La lista di Dalla Pellegrina, che presenta i simboli dei partiti politici «Fratelli d’Italia» e «Lega» è formata da due ex assessori dell’attuale amministrazione: l’infermiera Mirjana Stampfer e l’imprenditore Tiziano Cimarelli che ha anche ricoperto la carica di vicesindaco e che oggi siedono in opposizione con l’avvocato Giovanni Chincarini, anch’egli candidato. Al loro fianco ci sono Annalisa Scapini oggi in pensione, il commerciante Fabrizio Turazzini, il pediatra Gianni Tamassia, l’architetto Sara Dal Bosco, gli avvocati Roberta Micheletti, Elena Cozzolotto, Flavio Amicabile, i consulenti finanziari Luca Fraccaroli e Roberto Zeccinelli. Il debutto di Dalla Pellegrina in politica è avvenuto nel 1997, con l’ex sindaco Umberto Chincarini. Nel 2001 ha ricoperto la carica di sindaco con una lista di Lega, Fratelli d’Italia e Alleanza Nazionale e nel 2003 gli venne tolta la maggioranza. Nel 2014 si è candidato nella lista «Voce ai Cittadini» al fianco di Giuditta Bolognesi e poi decise di dissociarsi per ragioni politiche. I temi ispiratori del suo programma sono: la sicurezza, con l’attuazione del «Piano di prevenzione dei crimini» e «Potenziamento del corpo di polizia municipale», la qualità della vita con particolare attenzione alle scuole, alle famiglie, alla disabilità, alla terza età e al settore socio-sanitario; l’ambiente con il «Programma EVE: Ecologia, Viabilità Edilizia», lavoro ed economia dove si propongono di attuare un «marketing strategico»; innovazione e tecnologie con l’idea di costruire il «Tavolo Tecnico Europa» e poi le manutenzioni ordinarie del territorio. «Il paziente ascolto che è nella mia natura e il costante impegno sociale che ho sempre profuso, saranno garanzia di responsabilità, autorevolezza e dedizione nel ruolo di sindaco – scrive Dalla Pellegrina nella sua lettera di presentazione inviata a tutta la cittadinanza –. Intendiamo raggiungere obiettivi ambiziosi».