Elezioni Zimella 2019 anche il Consiglio di Stato dice no a Benin: è fuori. Dopo il Tar, anche il Consiglio di Stato gli ha negato la possibilità di candidarsi a sindaco: rimane una sola lista.

Elezioni Zimella 2019 anche il Consiglio di Stato dice no a Benin: è fuori

La lista del candidato sindaco Roberto Benin è stata ufficialmente esclusa dalla competizione elettorale e, pertanto, ne rimane soltanto una in lizza per le prossime elezioni comunali. La sentenza è stata emessa ieri sera dal Consiglio di Stato che ha confermato la pronuncia del Tar: a pesare un decreto penale di condanna, per altro non menzionato nemmeno nel casellario giudiziario.

La sua versione

Di quell’episodio lo stesso Benin ci aveva raccontato la genesi: “Era il 2004 – racconta Benin – ed ero seduto tra i banchi della minoranza in consiglio comunale. Avevo provveduto a raccogliere delle firme per fare in modo che una stradina privata diventasse di proprietà del Comune a patto che lo stesso si prendesse cura della manutenzione. Nel momento in cui era avvenuta la votazione io ero rimasto in consiglio e non ero uscito, ma in quanto parte interessata (in quella strada vi abitavano i suoi genitori) sarei dovuto uscire dall’aula. Per quella cosa partì un procedimento penale a mio carico”.

Leggi anche:  Crisi di Governo: tanti provvedimenti al palo, non l’educazione civica

Problema tutto burocratico

Tra l’altro Benin aveva ottenuto anche la riammissione in termini del decreto, per altro già condonato, per impugnarlo e andarlo a discutere in un vero processo. Riammissione che, a quanto ci risulta, manchi solo della firma del giudice, attesa a giorni; firma che avrebbe tolto lo status di “definitiva” alla condanna, rendendo Benin idoneo a candidarsi.