Giorgetti: “Governo porta imprese alla chiusura”

“Con sconcerto apprendo che il Governo delle tasse – spiega il Vicepresidente del Consiglio Regionale Massimo Giorgetti– ha stralciato dalla manovra finanziaria l’aliquota agevolata al 21% per i nuovi contratti di locazioni relativi agli esercizi commerciali.”

Si tratta di una previsione normativa introdotta nel 2019 fortemente richiesta dalle associazioni di categoria che mira a rilanciare l’attività delle piccole e medie imprese, fortemente colpite dagli anni della crisi, che stava riscuotendo risultati positivi e che il Governo ha stralciato dalle sue previsioni per l’anno prossimo.

“La cedolare era stata introdotta per tentare di porre un freno al rincaro degli affitti che, in molte città, sta mettendo in difficoltà le imprese del commercio. In queste settimane – prosegue l’esponente di Fratelli d’Italia – in cui molte famiglie vanno alla ricerca di regali natalizi,è possibile vedere storici negozi e botteghe definitivamente chiusi. E’ un fenomeno che colpisce sia la città che i comuni della provincia, che mina l’economia veneta nelle sue radici, che spesso è costituita da piccoli imprenditori con attività a conduzione familiare.Dovremmo essere vicini alle imprese, creando terreno fertile per nuove aperture, purtroppo assistiamo invece ad Governo che non perde l’ennesima occasione per sferrare un colpo ferale al nostro sistema produttivo. Anziché recuperare i negozi sfitti, che in Italia ormai sono circa mezzo milione, producendo un notevole beneficio finale anche per il fisco, visto che un negozio sfitto genera sicuramente meno gettito di un negozio in attività, si preferisce indurre a morte certa ulteriori aziende.”