Il consigliere regionale Andrea Bassi ha ufficializzato questa mattina presso la sala consiliare di Verona Domani il suo ingresso tra le fila del movimento fondato dal presidente del Consorzio Zai Matteo Gasparato e dal consigliere regionale Stefano Casali.

Andrea Bassi e Verona Domani

Bassi, già da tempo vicino ai due esponenti, ai valori del centrodestra e del civismo del movimento, condivide già un percorso politico congiunto con Casali a Palazzo Ferro Fini,  avendo formato nel 2017, insieme ad un esponente leghista (Fabiano Barbisan), il gruppo consiliare Centro Destra Veneto, particolarmente vicino alle battaglie politiche, quella sull’Autonomia su tutte, e ai valori della Lega e del governatore Zaia. Nativo di Bussolengo dove risiede, dopo diverse esperienze amministrative con la Lega nel suo Comune e in Provincia, dove è stato sia consigliere che assessore, è approdato a Venezia nel 2015, venendo eletto in Consiglio regionale con oltre 5 mila preferenze. Dal marzo 2018 ricopre il ruolo di presidente di Centro Destra Veneto.

“Siamo certi che con Bassi Verona Domani si allargherà ulteriormente in molte zone della provincia scaligera”

“Ancora una volta Verona Domani si dimostra un soggetto aggregante in grado di dialogare ed essere un punto di riferimento per tutte le forze politiche, movimenti ed esponenti di area civica di centrodestra che abbiano come noi a cuore la crescita e lo sviluppo non soltanto della città di Verona, ma dell’intera provincia – hanno commentato Casali e Gasparato – Un’inclusione qualitativa che a breve porterà nuovi ingressi di esponenti ed amministratori nel nostro gruppo. L’amico Bassi rappresenta infatti una risorsa importante per le sue capacità amministrative, per la sua esperienza, per la sua vicinanza al territorio e per le sue battaglie su molti temi che ci hanno visto e continueranno a vederci a fianco. Dal referendum sull’Autonomia, ai temi legati al sociale e alla sanità, proseguiremo insieme queste e tante altre sfide che ci attendono nei prossimi mesi. Siamo certi che con Bassi Verona Domani metterà radici e si allargherà ulteriormente in molte zone della provincia scaligera esportando un modello di buona amministrazione, accomunati da valori ed identità di vedute e obiettivi”.

Leggi anche:  Salvini a Legnago, un migliaio di persone in piazza FOTO e VIDEO

“Cercherò di dare il mio contributo al movimento”

“Stima, amicizia e sinergia di intenti e obiettivi mi legano a Verona Domani ed ai suoi componenti – ha sottolineato Bassi – Cercherò di dare il mio contributo al movimento, convinto che la piattaforma creata da Casali e Gasparato rappresenti un modello vincente, un esempio di civismo di centrodestra che non ha eguali forse in tutto il territorio nazionale. Sia per numero di iscritti, che per numero di suoi amministratori, Verona Domani ha tutte le caratteristiche per diventare il polo aggregante di tutte le liste civiche del veronese e un domani anche a livello regionale. In una fase politica di estrema frammentazione e divisione, è fondamentale aggregare e coordinare tutte le spinte civiche che vengono dal territorio. Cercherò di apportare il mio contributo con umiltà e con la massima disponibilità”.