Di Brescia, 47 anni, l’avvocato e senatore Simone Pillon (Lega, già fondatore del Family Day) è il primo firmatario di un disegno di legge (“Norme in materia di affido condiviso, mantenimento diretto e garanzia di bigenitorialità”) che vorrebbe modificare la disciplina dell’affido condiviso dei figli minori per i genitori divorziati. Sotto la lente in particolare la cancellazione dell’assegno di mantenimento.

Il disegno di legge ha suscitato tantissime perplessità, anche fra gli stessi leghisti e gli alleati di governo, 5 Stelle.

Martedì inizieranno le audizioni in Commissione giustizia, ma il disegno di legge potrebbe slittare o subire variazioni importanti.

Assegno di mantenimento addio?

Il mantenimento diretto e proporzionale sarebbe il fulcro della riforma: via l’assegno di mantenimento, rimarrebbe solo quello coniugale. E in caso di separazione con minori entrerebbe in gioco la figura del mediatore familiare per le coppie incapaci di trovare un accordo.

“L’assegno coniugale non si tocca. La contribuzione per i bisogni del minore rimane caposaldo e sarà proporzionale alle capacità economiche dei due genitori, che però pagheranno direttamente le spese dei figli”, ha dichiarato Pillon.

L’assegno di mantenimento in pratica andrebbe a sparire perché i figli avrebbero due case, doppio domicilio e tempo, equamente diviso, tra mamma e papà.

Leggi anche:  Autonomia, il capo delegazione del Veneto commenta la nota di Palazzo Chigi

Le perplessità del ministro veronese Fontana

Da settimane si susseguono le critiche al ddl, non solo da parte di associazioni femministe o dal centro sinistra ma anche da Forza Italia e all’interno della stessa Lega.

Persino il ministro della Famiglia, Lorenzo Fontana, di certo non un progressista, ha sollevato delle perplessità. E con lui anche il Movimento 5 Stelle, che sembrerebbe non intenzionato a votare il disegno di legge così come è stato presentato.

Dunque non è difficile pensare che il centinaio di audizioni in programma in Commissione possano far slittare (forse volutamente?) almeno per un po’ l’approvazione della legge.