Legnago Domani nasce la civica creata da Casali e Gasparato.

Legnago Domani, ecco la nuova civica

Verona Domani cresce e si rafforza in tutta la provincia scaligera. Dopo la città di Verona e numerosi Comuni, il movimento fondato nel 2014 dal consigliere regionale Stefano Casali e dal presidente del Consorzio Zai Matteo Gasparato sbarca anche a Legnago. A pochi mesi dall’appuntamento che vedrà “la capitale” del basso veronese rinnovare primo cittadino, giunta e consiglio comunale, l’associazione che vanta circa un centinaio di amministratori in tutto il territorio veronese, annuncia la sua discesa in campo alle amministrative legnaghesi. A darne notizia il neocoordinatore e portavoce di Legnago Domani Luca Sordo, ex sindaco di Casrtagnaro ed ex presidente di Agsm Distribuzione, da anni residente a Legnago.

Il gruppo sarà presente nelle prossime amministrative

“Saremo sicuramente presenti alle prossime amministrative con una nostra lista e nelle prossime ore valuteremo se presentare un nostro candidato sindaco, espressione della società civile e del tessuto produttivo del territorio. L’area di riferimento è ovviamente quella del centrodestra. Un centrodestra che qui a Legnago ha molto spesso risentito in passato di spaccature, lotte intestine e mancanza di unità – ha sottolineato Sordo – Intendiamo esportare un modello vincente di piattaforma civica come quella di Verona Domani. Da anni dialoghiamo e siamo a stretto contatto con i responsabili del gruppo scaligero e dopo attente valutazioni abbiamo deciso di presentarci alle elezioni di maggio, portando a Legnago il format e i valori civici-moderati di Verona Domani. A far parte di Legnago Domani sarà un nutrito gruppo di esponenti provenienti dalla società civile, economica, sociale ed imprenditoriale del territorio legnaghese. Tra loro anche il noto commercialista Nicola Silvestrini ed altri ex amministratori del centrodestra. Un giusto mix tra esperienza amministrativa e novità, rappresentata da volti nuovi e da professionisti che intendono spendersi in prima persona per una Legnago sempre più forte e competitiva – ha concluso Sordo –  La nostra sarà una componente che avrà nel civismo e nella vicinanza al territorio ed alla collettività i suoi punti di forza”.

Grande soddisfazione da parte del presidente provinciale

Soddisfazione per la nascita del nuovo soggetto politico è stata espressa dai fondatori di Verona Domani Casali e Gasaparato e dal presidente provinciale Paolo Rossi: “In un periodo contraddistinto dalla corsa verso i partiti tradizionali, dalla forsennata ricerca di approdi verso fantomatici lidi romani, Verona Domani si contraddistingue in tutta la provincia scaligera per l’esatto contrario. I nostri amministratori sono infatti lontani da palazzi e giochi di potere romani, ma vivono quotidianamente i problemi delle loro realtà, cercando di venire incontro alle esigenze della collettività e dei loro territori. Decine tra sindaci, assessori e consiglieri del nostro movimento, tra loro ricordiamo il primo cittadino di Isola della Scala Stefano Canazza, sono modello di buona amministrazione e di una politica che hanno nel civismo e nella concretezza le loro peculiarità. Nelle prossime ore valuteremo insieme a referenti degli altri partiti sia a livello locale, che provinciale, le possibili soluzioni per far sì che Legnago torni ad essere amministrato dal centrodestra”.