Provincia di Verona il presidente ha assegnato le deleghe. Il vice di Scalzotto con delega all’Istruzione e all’Edilizia scolastica sarà Di Michele.

Provincia di Verona il presidente ha assegnato le deleghe

È stato pubblicato oggi, giovedì 9 maggio, il decreto con cui il Presidente della Provincia di Verona Manuel Scalzotto ha nominato il vicepresidente e ha assegnato le deleghe ai consiglieri eletti lo scorso 31 marzo. “Ringrazio i colleghi per la disponibilità dimostrata nell’accettare deleghe che comportano un impegno costante – ha affermato il presidente – Ci sono sia riconferme, sia nuovi consiglieri delegati. Ricordo che la Provincia tratta temi delicati quali ambiente, urbanistica, trasporti, viabilità, scuole, polizia provinciale: competenze e servizi fondamentali per tantissimi cittadini, aziende e Comuni. Ho chiesto perciò a tutti di operare con serietà e spirito di squadra per l’interesse del territorio che siamo stati chiamati ad amministrare”.

Ecco tutte le deleghe

  • Vicepresidente della Provincia e delegato alle politiche per l’istruzione e l’edilizia scolastica il Consigliere provinciale David Di Michele;
  • Brunelli Cristian: lavori pubblici, politiche sui Fondi dei comuni confinanti (FCC), rapporti con l’Unione Europea e politiche per la montagna;
  • Bisighin Loris: urbanistica, politiche energetiche e procedimenti di esproprio;
  • Bighelli Albertina: politiche per l’esercizio delle funzioni dello sport; protezione civile, pari opportunità e identità veneta;
  • Simeoni Roberto: polizia provinciale e rapporti con la Regione del Veneto per l’esercizio delle funzioni delegate;
  • Salizzoni Silvio: politiche e relazioni con la Regione per la promozione del turismo e rapporti con gli Enti locali;
  • Falzi Sergio: ambiente; politiche per le attività produttive;
  • Dall’Oca Luca Roberto: trasporti, mobilità e traffico;
  • Marcolini Stefano: politiche venatorie e ittiche e relazioni con la Regione in merito alla funzione; politiche per la gestione del patrimonio;
  • Fiocco Gino: politiche per la cultura, relazioni con la Regione in merito alle politiche per il lavoro, la formazione professionale e i servizi sociali.