Quando la Lega aveva deciso, in totale autonomia, di presentare la candidatura a sindaco di Legnago di Graziano Lorenzetti si erano create le premesse per una spaccatura in seno al centrodestra locale. Fratelli d’Italia, infatti, per bocca di Ciro Maschio, non aveva affatto apprezzato la mancanza di condivisione sul nome di chi avrebbe dovuto restituire Legnago al centrodestra. Lo strappo era a un passo.

LEGGI ANCHE:  Legnago, presentata la candidatura a sindaco di Lorenzetti

LEGGI ANCHEElezioni comunali Legnago, Ciro Maschio: “Sorpresi dalla Lega”

Pace fatta

Poi, però, il dialogo ha avuto la meglio e, alla fine, si è arrivati a un punto d’incontro. E così si allarga la coalizione del Centrodestra legnaghese in vista delle prossime elezioni comunali. Alla Lega e a Laboratorio Legnago si unisce, così, anche Fratelli d’Italia. L’accordo è stato sancito nel corso di un incontro pubblico ieri pomeriggio. Presenti il senatore Cristiano Zuliani, il consigliere regionali Alessandro Montagnoli, il deputato Ciro Maschio e il senatore Bertacco in quota Fratelli d’Italia. Il responsabile e portavoce di Fratelli d’Italia Gianluca Cavedo ha fatto gli onori di casa annunciando l’entrata di Fratelli d’Italia nella coalizione.

Leggi anche:  Legnago: in arrivo nuove fognature

Maschio: “Noi sempre fedeli all’alleanza”

Ciro Maschio:”come Fratelli d’Italia siamo sempre stati fedeli all’allenza di centrodestra e, dopo un sereno confronto, ci è sembrato giusto aderire a questa alleanza. Un grazie a Cavedo e a tutto il direttivo per lo sforzo fatto in questi anni. Un grazie va detto a Paolo Longhi che ha anteposto alle sue legittime aspirazioni personali il bene del centrodestra. Una scelta di condivisione fatta per il bene della squadra”.

“Così si rafforza il centrodestra”

Paolo Longhi: “Questa è un’alleanza sana che rafforza il centrodestra. Dal 26 maggio dovremo lavorare per far ripartire Legnago. Con Lorenzetti ci siamo già confrontati e voglio già lanciare alcuni spunti programmatici. Portate al minimo le imposte comunali sulle aziende produttive, agevolare gli affitti in centro per evitare il vuoto che si è diffuso in questi anni, aiutare le associazioni che sono il motore della comunità. Inoltre dovremo dare un giro di vite sul tema della sicurezza”.