Giornata Mondiale contro l’Aids per non abbassare la guardia.

L’1 dicembre è il World Aids Day

Oggi è la giornata mondiale contro l’Aids per ricordare a tutti l’importanza di non abbassare la guardia al riguardo di questa tematica. Nel mondo sono ancora 38 milioni le persone che convivono con l’Hiv, di cui 23 milioni hanno accesso a terapie che azzerano la carica virale. Ma la battaglia è ancora lunga, a causa di diagnosi tardive e mancato accesso alle cure.  Nel 2018 le persone contagiate dal virus dell’Hiv sono state 1,7 milioni, in calo del 33% rispetto al 2010. Una battaglia che bisogna continuare a combattere e non è ancora vinta.

Oggi le infezioni limitate alle “popolazioni a rischio”

Oggi oltre la metà delle nuove infezioni da Hiv riguarda le cosiddette popolazioni a rischio, come omosessuali, utilizzatori di droghe, sex worker e detenuti. A esserne colpiti, però, sono stati anche 160mila bambini sotto i 9 anni.

Accesso alle cure e prevenzione

Accanto agli sforzi per migliorare l’accesso e la continuità nelle terapie antiretrovirali, la Giornata mondiale punta alla prevenzione dei contagi. Numerose le iniziative nel Mondo e anche in Italia. Il ministro della Salute Roberto Speranza accenderà le luci dell’illuminazione prevista per il Colosseo. Mentre il portale web istituzionale del ministero, per 3 giorni si tingerà di rosso,

Leggi anche:  La ricerca medica consente l’aumento dell’aspettativa di vita