Salute regionale6 luglio 2018

Vaccini, Burioni difende il campione di pallavolo insultato su Facebook

Roberto Burioni: "Ivan Zaystev fa il suo lavoro di padre e cittadino".

Vaccini, Burioni difende il campione di pallavolo insultato su Facebook. Roberto Burioni: “Ivan Zaystev fa il suo lavoro di padre e cittadino”.

Vaccini, la polemica intorno al campione di pallavolo

Il campione di pallavolo ha postato una foto su Facebook che ritraeva lui e sua figlia Sienna subito dopo essere stata vaccinata contro il meningiococco. Voleva solo raccontare un evento legato alla vita della sua bambina. Ma non tutti l’hanno pensata così perchè sono state molte le persone contrarie ai vaccini che si sono sentite urtate. Sotto la foto, i commenti dei “no vax” sono arrivati a valanghe: alcuni civili, ma altri pieni di offese e auguri di morte.

Roberto Burioni: “Ivan Zaystev fa il suo lavoro di padre e cittadino”

In molti sono intervenuti per difendere il campione di pallavolo. Fra questi, anche il medico Roberto Burioni che gli ha espresso la sua solidarietà tramite un post pubblicato su Facebook:

“Ivan Zaystev, campione di pallavolo, fa il suo dovere di padre e di cittadino. Vaccina la figlia proteggendo lei, i figli degli altri e anche noi adulti. Su Facebook si scatena contro di lui una tempesta di insulti condita di auguri di morte per lui e per la figlia da parte di cavernicoli irresponsabili, ignoranti e stupidi. Ecco, a questi cavernicoli che lo hanno investito di insulti, somari patentati che con la loro superstizione vogliono mettere in pericolo i loro figli, i nostri figli e tutti noi qualcuno ha il coraggio di affermare che “bisogna garantirgli la libertà di scelta”. Bisogna solo garantirgli la libertà di studiare o di tacere, e fare in modo che con la loro follia non facciano del male a tutti gli altri, prima di tutto ai loro figli. Tutta la mia solidarietà a Ivan Zaystev e alla sua famiglia. Lo stesso coraggio che dimostra in campo l’ha dimostrato nella vita, come fanno i veri campioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente