La General Store bottoli brilla negli appuntamenti ferragostani riservati alla categoria dilettanti. A Capodarco di Fermo (Fm), nella classica internazionale andata in scena sulle strade marchigiane, i ragazzi diretti da Giorgio Furlan, hanno interpretato in maniera garibaldina la sfida.  Ad accendere le miccie è stato infatti Samuele Zoccarato che è uscito in avanscoperta dopo un’ora di gara ed ha resistito al comando sino al chilometro 150 quando il gruppo ha riassorbito tutti gli attaccanti di giornata.

General store bottoli: che spettacolo

Nel finale di gara dopo l’allungo del colombiano Einer Rubio che si è aggiudicato la corsa, Davide Casarotto e Jakob Dorigoni hanno tentato in tutti i modi di riportarsi sul battistrada ma sono stati costretti ad inchinarsi alla brillantezza di Rubio accontentandosi di due piazzamenti comunque molto prestigiosi: Davide Casarotto, infatti, ha chiuso in seconda piazza, primo tra gli italiani in gara, mentre Jakob Dorigoni è giunto quarto.

E’ mancato solo il successo

“E’ stata una giornata esaltante, vedere i nostri ragazzi correre in questo modo a Capodarco è stato davvero straordinario” ha sottolineato il team manager Roberto Ceresoli. “Dispiace perchè ci è sfuggito il successo finale ma questi piazzamenti sono comunque preziosissimi per una squadra giovane come la nostra. In questi giorni tutti noi siamo scossi dalle notizie che riguardano Michael Antonelli, per questo non possiamo esultare fino in fondo per i risultati ottenuti. Anche oggi gli atleti, appena scesi di bicicletta, come prima cosa, ci hanno chiesto notizie di Michael, siamo tutti in appresione e questi piazzamenti sono dedicati a lui e ai suoi cari”.

Rocchetta firma la doppietta stagionale

La corsa di Capodarco ha fatto seguito al successo conquistato da Cristian Rocchetta a Ceneda di Vittorio Veneto (Treviso). Il veronese ha firmato così la doppietta stagionale dopo che aveva rotto il ghiaccio martedì scorso a Caselle di Sommacampagna. A decidere le sorti del circuito trevigiano è stata un’azione di cinque atleti che ha preso il largo ad una trentina di chilometri dal traguardo; ad evadere dal controllo del plotone sono stati Cristian Rocchetta (GeneralStore bottoli), Gianmarco Begnoni (Viris Vigevano), Filippo Ferronato (Cycling Team Friuli), Leonardo Marchiori e Giovanni Lonardi (Zalf Euromobil Désirée Fior). Il quintetto, che ha sempre pedalato di comune accordo, nel volgere di pochi giri, ha tagliato fuori il resto del gruppo dalla lotta per il successo finale riuscendo a scavare un solco di una quarantina di secondi, risultato incolmabile per tutti gli inseguitori.

Leggi anche:  Gran premio a Monza – La Ferrari in pole position

La vittoria

Il colpo di scena è arrivato a tre giri dal termine con il veronese Cristian Rocchetta (GeneralStore bottoli) che ha deciso di rompere gli indugi e ha allungato in solitaria. Il forcing di Rocchetta ha fatto la differenza permettendo all’alfiere in casacca giallo-nero-verde di presentarsi tutto solo sul rettifilo d’arrivo e di raccogliere la standing ovation del pubblico trevigiano. Inutile, di fronte allo straordinario assolo di Rocchetta, ogni tentativo di rimonta con il ragazzo del presidente Diego Beghini che ha tirato dritto sin sulla linea del traguardo. A completare la festa della GeneralStore bottoli è arrivato anche il nono posto di Enrico Pasqualotto. La GeneralStore bottoli, dunque, può esultare per il secondo anno consecutivo sul circuito di Ceneda di Vittorio Veneto, dove nel 2017 era stato Giovanni Lonardi a festeggiare il successo.