“Voglio portare Sergio Pellissier all’Europeo Conifa.” Così si è espresso Fabio Cerini, presidente di Padania F.A., rappresentativa calcistica non professionistica e non affiliata alla FIFA, bensì alla ConIFA, creata da sportivi e appassionati di calcio per rappresentare il territorio padano formato dalle sei regioni italiane settentrionali.

“Stankevicius e Pellissier nella squadra padana”

Cerini, il cui mandato è in scadenza, fissa nuovi obiettivi in caso di riconferma dopo la riunione annuale del 28 marzo. “Con il bronzo al Mondiale a Londra abbiamo chiuso un ciclo biennale per noi molto positivo: ora dobbiamo guardare avanti a migliorare i nostri risultati e a migliorarci in ogni aspetto. Per questo, se l’assemblea dei soci mi riconfermerà come presidente, ho intenzione di fare tutto il possibile per portare Sergio Pellissier all’Europeo di giugno: credo che lui, assieme a Marius Stankevicius che ci ha già riconfermato l’intenzione di aderire al progetto, possa portare quel bagaglio di esperienza e professionalità in più che ci farebbe crescere ulteriormente.”

“Voglio una squadra all’altezza”

Una risposta indiretta ai nomi di grido nelle convocazioni della Nazionale Sarda che solo dieci giorni prima in amichevole si svelerà agli
appassionati? “No, anzi, ci mancherebbe: siamo in ottimi rapporti tanto che probabilmente sarò loro ospite alla partita assieme al nostro team manager Marco Gotta. Il loro ingresso, così come quello delle altre federazioni che si sono aggiunte a Conifa durante l’assemblea mondiale di Cracovia a fine gennaio, è il segno di quanto questo modello di sport identitario stia funzionando ed anzi si stia espandendo. A
gennaio abbiamo avuto il primo europeo per disabili di primo livello nel Principato di Monaco dove la Padania è arrivata seconda, a fine
anno si sta organizzando anche una competizione parallela per il calcio femminile, nel 2020 ci sarà il quarto Mondiale probabilmente in
Somalia. Tutti appuntamenti ai quali, se sarò ancora io il presidente, voglio provare a partecipare con una squadra all’altezza del nome che
portiamo e delle nostre ambizioni.”

Leggi anche:  Il veronese Elia Viviani è campione europeo

Nuovi arrivi?

Qualche indiscrezione sui nomi che prenderanno parte alla spedizione a parte i due già citati? “Per il momento non posso ancora dire nulla: il direttore sportivo Olisse Viscardi sta lavorando al meglio contattando molti profili interessanti, ed i buoni risultati sia dal punto di vista sportivo che organizzativo e comunicativo degli ultimi anni hanno avvicinato a noi molti giocatori. A fine marzo valuteremo tutti questi aspetti, tra cui la conferma o meno della guida tecnica e da lì partiremo per costruire una spedizione vincente.”